Fondi per il centro storico di Cosenza, Mancini: «Ora si acceleri sui lavori»

L’ex assessore regionale plaude alla sottoscrizione del contratto Cis: «Un atto amministrativo che fa ben sperare sull’utilizzo dei 90 milioni di euro per la rinascita della città antica»

9
di Redazione
15 settembre 2020
13:44
Giacomo Mancini, ex assessore regionale
Giacomo Mancini, ex assessore regionale

«La sottoscrizione del contratto istituzionale di investimenti, Cis è una buona notizia per Cosenza e per il nostro centro storico». Lo sostiene in una nota stampa Giacomo Mancini, ex consigliere regionale.

 

Così: «Dopo tante parole e tante contrapposizioni inutili – aggiunge - finalmente un atto amministrativo che fa ben sperare sull’utilizzo dei 90 milioni di euro per la rinascita della città antica, da anni completamente abbandonata. Va per questo dato merito al sottosegretario Anna Laura Orrico che è quantomeno riuscita a riannodare i fili di una partita che sembrava perduta – spiega - a causa di beghe politiche tra gli attori istituzionali, e che ha voluto coinvolgere anche le associazioni sul territorio nella definizione degli interventi».

 

L’elenco dei finanziamenti è lungo: «Molti – conferma Mancini - sono davvero qualificanti. Anche se – tiene a precisare - non si intravede la visione unitaria che li unisce in un’ambiziosa traiettoria di sviluppo. Comunque c’è da augurarsi che adesso gli enti attuatori (comune, Provincia e Mibact) spingano il piede sull’acceleratore per rispettare la stringente tempistica pervista nel contratto: entro il 2021 aggiudicazione degli appalti e per il 2025 realizzazione degli interventi».

 

In questo contesto «stona la mancata previsione di strumenti di coinvolgimento degli investitori privati». L’ex assessore continua: «In molti ricorderanno che la straordinaria rinascita del centro storico avvenuta a metà degli anni ‘90 fu possibile perché vi era una visione che poggiava su tanti e importanti interventi realizzati dal Comune, ma anche su incentivi agli investimenti dei privati che poterono, per esempio, acquistare e ristrutturare a condizioni agevolate, abitazioni e locali». Le risorse pubbliche (90 milioni sono una cifra considerevole) per «avere effetti positivi e di lunga durata devono fungere da volano e da moltiplicatore per altrettanti investimenti privati e per questo devono stimolare e agevolare le forza imprenditoriali ad investire nel centro storico». Tuttavia, conclude Mancini: «Al momento pare non sia stato del tutto compreso. Mi auguro che si abbia la capacità e la volontà per farlo. Cosenza e il nostro centro storico lo meritano».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio