Coronavirus, «I guariti con tampone positivo non infettano»: lo studio italiano

La ricerca è stata condotta dal Policlinico San Matteo di Pavia. Il virologo Baldanti: «In fase di risoluzione dei sintomi, il Covid non è infettante»

153
di Redazione
23 giugno 2020
07:01

La maggior parte delle persone clinicamente guarite dal Covid-19, cioè senza più sintomi, ma ancora positive al tampone, hanno una quantità di virus così bassa e degradata da non poter contagiare. È quanto emerge dallo studio del Policlinico San Matteo di Pavia, condotto con l'Istituto Zooprofilattico della Lombardia ed Emilia Romagna, Ospedale civile di Piacenza, Policlinico di Milano e Le Scotte di Siena, presentato alla Regione Lombardia.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, studio italiano individua i geni che aumentano il rischio contagio

«Ci siamo chiesti cosa significa un tampone positivo se i sintomi sono scomparsi - spiega Fausto Baldanti, responsabile del reparto di Virologia del San Matteo - Molti di questi soggetti hanno poche particelle virali». Per verificare se il nuovo coronavirus fosse ancora infettante o meno, i ricercatori hanno messo in coltura i campioni di 280 persone clinicamente guarite, con cariche virali basse, e visto se il virus era integro. «Se il virus è integro infatti, può infettare le cellule - continua - Su 280, abbiamo visto che il segnale di sopravvivenza del virus era meno del 3%. In fase di risoluzione sintomi, il loro virus non è quindi infettante».  

 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, «carica virale 10 volte inferiore rispetto a marzo»: lo studio del San Raffaele

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio