La denuncia

Centro regionale di Farmacovigilanza, Amalia Bruni: «Gestione disastrosa. L’Aifa chiede il recupero dei fondi»

La consigliera regionale: «Siamo di fronte alla follia pura, si ripristini l'attività. Basta scherzare con la salute dei calabresi»

49
di Redazione
20 dicembre 2021
10:18
La consigliera regionale Bruni
La consigliera regionale Bruni

La situazione del Centro regionale di Farmacovigilanza «è allucinante». Lo denuncia la consigliera regionale Amalia Bruni. «Che succede al centro regionale di farmacovigilanza? È la domanda preoccupata - scrive in una nota - che pongo al presidente e commissario Roberto Occhiuto. Il centro è uno strumento straordinariamente importante, voluto da una direttiva europea, recepito da una norma nazionale e istituito in Calabria nel 2012, a seguito di uno specifico protocollo con l’Aifa (che mette anche i soldi tra l’altro) e poi recepito con un regolare Decreto del commissario ad acta. Subito dopo - si rimarca - é stato selezionato il relativo personale specializzato, assunto con contratto triennale poi prorogato, solo in parte sino allo scorso mese di novembre, mentre per altri dipendenti, inspiegabilmente, il rapporto è scaduto il 15 dicembre. In questo lasso di tempo si sono avvicendati diversi responsabili scientifici del centro, con vacazione protratte per un lungo periodo».

Bruni: «Disastrosa gestione della sanità»

«Una ennesima disastrosa gestione della sanità calabrese. Dal Dipartimento della salute della nostra Regione - prosegue - pare giungano notizie solo negative per i cittadini. La gestione è stata disastrosa sino al punto che, a seguito di verifica, pare che l’Aifa abbia avviato le procedure per il recupero delle somme assegnate al progetto di farmacovigilanza». Per la Bruni «siamo di fronte alla follia pura, non possiamo accettare una situazione di questo genere, oggi più che mai le attività di farmacovigilanza sono indispensabili visto la pandemia».


«É decisivo riattivare subito i rapporti con i professionisti impegnati allo scopo da ormai oltre sei anni, si nomini il responsabile scientifico del centro e si ripristini immediatamente l'attività. L’ennesima dimostrazione di una sanità allo sbando dove tra risparmi inconcludenti, distrazioni, strategie sbagliate e manager incompetenti sono sempre i cittadini a rimetterci. Aspettiamo una risposta in tempi brevi. E anche efficace - conclude la consigliera regionale- basta scherzare con la salute dei calabresi».

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top