Asp Cosenza, il concorso fallito che imbarazza Giampaolo Grippa

Il direttore amministrativo dell’Azienda Sanitaria nominato dall’ex commissario straordinario Zuccatelli, aspirava ad un incarico quinquennale bandito dall’Asl di Rieti. Ma al colloquio è stato bocciato perché ritenuto non idoneo

5
di Salvatore Bruno
4 luglio 2020
23:28
La sede dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza
La sede dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza

Commercialista romano di 56 anni, Giampaolo Grippa vanta un curriculum di otto pagine dense di incarichi e consulenze. Collaboratore di Agenas, nominato dal Ministero della Salute quale componente esperto del nucleo di valutazione degli investimenti pubblici e dall’Istituto Superiore di Sanità esperto del gruppo di studio nazionale per la valutazione economica dei servizi di telemedicina, ha rivestito per molti anni funzioni di primo piano nell’assessorato alla salute della Regione Lazio.

L’approdo in riva al Crati

A fine marzo l’ex commissario straordinario dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza, Giuseppe Zuccatelli, lo ha scelto per la poltrona di direttore amministrativo e, durante il periodo di vacatio intercorso tra l’addio di Zuccatelli e la nomina di Cinzia Bettelini, ha assunto anche la reggenza dell’ente, con tre ospedali spoke da gestire in un’area di 150 comuni e 750 mila abitanti.

Non idoneo dopo il colloquio

Per questo suscita un certo imbarazzo la notizia della bocciatura di Grippa, in un concorso bandito dall’Asl di Rieti, neanche paragonabile a quella di Cosenza per vastità territoriale e complessità, per il conferimento di un incarico quinquennale di direttore dell’Unità Operativa Complessa di acquisizione e logistica di beni e servizi. La commissione esaminatrice, dopo il colloquio, lo ha ritenuto non idoneo.

L’ostacolo della selezione pubblica

I soliti maligni fanno notare come quasi tutti i prestigiosi ruoli ricoperti dal commercialista, derivino più o meno direttamente dalla politica mentre in questo caso, l’accesso all’incarico era subordinato al superamento di una selezione pubblica. La vicenda non è passata inosservata nei corridoi della direzione generale dell’Asp, alimentando le perplessità sull’adeguatezza di Grippa rispetto all’incarico affidatogli di direttore amministrativo.

Ancora niente bilanci

L’Azienda continua a trovarsi in una situazione fortemente caotica, per la mancata approvazione dei bilanci consuntivi del 2018 e del 2019, ma anche per i ritardi sulla redazione del piano dei fabbisogni, con inaccettabili rinvii sulle assunzioni di personale necessario ad offrire servizi puntuali e di qualità all’utenza.

L’anonimo volantino

C’è malcontento anche tra il personale dipendente: da qualche giorno circola un volantino recante la comunicazione ufficiale dell’esito negativo del colloquio di Giampaolo Grippa con un invito, più o meno garbato, a rassegnare le dimissioni.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio