Arresti in Calabria

La mega mazzetta del doganiere: il valore di 9 chili di cocaina per farne uscire 300 dal porto di Gioia Tauro

Nell'inchiesta della Dda di Reggio Calabria finisce anche il 61enne Pasquale Sergio, adetto allo scanner per l'Adm nello scalo portuale calabrese. La Gdf gli sequestra beni per 261mila euro

150
di Redazione
6 ottobre 2022
14:00
Un carico di cocaina sequestrato al porto
Un carico di cocaina sequestrato al porto

Avrebbe alterato il risultato del controllo effettuato tramite scanner su un container in cui erano nascosti trecento chili di cocaina, attestandone falsamente la regolarità, il dipendente dell'Agenzia delle dogane di Gioia Tauro, Pasquale Sergio, di 61 anni, arrestato e condotto in carcere nell'ambito dell'operazione della guardia di finanza che ha portato all'arresto di 36 persone accusate di avere gestito un traffico internazionale di droga con base logistica nel porto container.

Sergio, in particolare, che era proprio l'addetto allo scanner, avrebbe alterato, secondo quanto è detto nel capo d'imputazione, «gli esiti della scansione radiogena effettuata su un container trasportato dalla nave Msc Adelaide, proveniente da Santos, in Brasile, e sbarcato nel porto di Gioia Tauro il 18 dicembre del 2020».


Il dipendente dell'Agenzia delle Dogane, in cambio della sua complicità, avrebbe percepito, secondo quanto è emerso dalle indagini, una somma pari al 3% del valore dello stupefacente che era custodito nel container, stimato in quasi nove milioni di euro. A carico di Bruno, in particolare, è stato disposto il sequestro di beni per un valore di 261mila euro.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top