Sanità, il governo proroga lo scioglimento dell'Asp di Reggio Calabria

Il commissariamento durerà altri 6 mesi. La proposta è stata avanzata dal ministro dell'Interno Lamorgese per proseguire «l'opera di risanamento dell'Azienda». Il M5s chiede la sostituzione dei vertici. La Cgil: «Bonifica è atto necessario»

31
15 luglio 2020
10:43
L’Asp di Reggio Calabria
L’Asp di Reggio Calabria

Il Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dell'interno Luciana Lamorgese, in ragione della necessità di proseguire l'opera di risanamento dagli accertati condizionamenti da parte della criminalità organizzata, a norma dell'articolo 143 del Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali (decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267), ha deliberato la proroga per sei mesi dello scioglimento dell'Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria. È quanto si legge nel comunicato di palazzo Chigi.

 

L'Azienda provinciale era stata sciolta il 7 marzo del 2019 per infiltrazioni mafiose e collusione di pregiudicati con gli uffici pubblici.

 

La decisione era stata presa dall'allora governo Conte, i cui principali azionisti erano il M5s e la Lega, sulla scorta delle relazioni del ministro dell'Interno Matteo Salvini e del prefetto di Reggio Calabria Michele di Bari.

Il M5s: sostituire i commissari

«È significativa la proroga dello scioglimento dell’Asp di Reggio Calabria da parte del Consiglio dei ministri. Il governo ha confermato il livello di attenzione sulla sanità calabrese, che va rilanciata a partire dalla legalità». Lo affermano, in una nota, i deputati M5s Giuseppe d’Ippolito e Paolo Parentela, che osservano: «Tuttavia, come già aveva evidenziato il collega del Movimento 5 Stelle Francesco Sapia, occorre sostituire al più presto i commissari dell’Asp di Reggio Calabria, che non hanno affrontato a modo l’emergenza Covid, addirittura “scappando”, né i vecchi e purtroppo permanenti problemi gestionali, organizzativi, contabili e assistenziali dell’azienda».

 

«Pertanto ci appelliamo al ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, perché provveda alla nomina di nuovi commissari, date – concludono i D’Ippolito e Parentela – le pesanti criticità che ancora si riscontrano nell’Asp di Reggio Calabria, confermate dalla recente relazione del commissario alla Sanità regionale, Saverio Cotticelli, in cui si certifica il fallimento assoluto dell’attuale commissione straordinaria aziendale, che non ha ratificato i bilanci dal 2013 al 2018 e addirittura aveva chiesto il dissesto dell’ente per scaricare le proprie responsabilità».

La Cgil: atto opportuno

«La proroga del governo del commissariamento per infiltrazioni mafiose della Asp di Reggio Calabria – dice Angelo Sposato, segretario della Cgil calabrese – è un atto opportuno che abbiamo chiesto con determinazione con la manifestazione unitaria sulla sanità l'8 luglio alla cittadella regionale. Così come sarebbe utile per quella di Catanzaro. La bonifica e il ripristino della legalità nella sanità calabrese è un atto necessario e propedeutico. Auspichiamo se ne accorga anche il ministero della salute».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio